Forum

Il curriculum in Scienze del design della Scuola di Dottorato Iuav di Venezia avvia la quarta edizione di FRID  Fare Ricerca in Design, forum nazionale dei dottorati in design, con l’obiettivo di condividere i risultati delle ricerche dottorali in design e di riflettere sugli sviluppi della disciplina nelle sue diverse declinazioni.

L’edizione 2019 Confini e Contesti. La doppia prospettiva della ricerca in design sollecita una riflessione sia sulle modalità con cui la ricerca si relaziona al contesto accademico, sia sui possibili sconfinamenti che la portano a confrontarsi attivamente con l’esterno. Frid 2019 si pone dunque l’obiettivo di interrogarsi sull’evoluzione della ricerca in design nella contemporaneità, non soltanto per un confronto tutto interno alla disciplina, ma per collocarla all’interno di un processo di coscienza sociale, per individuare e decifrare le complessità del passato e quelle del presente.

Coscienti della costante ridefinizione delle configurazioni delle società complesse, pensiamo sia urgente confrontarsi sia con i modi e i luoghi in cui la disciplina della ricerca si riproduce, sia con gli ambienti con i quali si dovrebbe rapportare. Riteniamo essenziale lavorare per arrivare a un rapporto biunivoco, paritario e virtuoso tra i due contesti, accademia e mondo esterno. Un confronto che porti a interrogarsi su come la ricerca possa incidere eticamente su forme di interazione sociale e produzione di soggettività, campi di indagine e di lavoro che crediamo essere alla base di ogni pratica progettuale.

Designing is an activity that is constantly changing. How then can we establish a body of knowledge about something that has no fixed identity? From a 19th century point of view, this is a troubling question. (…) But today in the museum world, as in the universities, there are powerful intellectual forces that are breaking down the boundaries between fields of knowledge that once seemed immutable.[1]

Il design non ha un’identità monolitica e questa peculiarità della disciplina non è ancora sufficientemente indagata in maniera critica. Victor Margolin richiama con queste parole la dialettica tra identità e mutamento, tra ricerca dei fondamenti e apertura al cambiamento. L’ambito accademico sembra il più propizio a permettere la crescita della disciplina, anche attraverso un preciso sistema di vincoli e procedure. Al tempo stesso è in grado di produrre le forze intellettuali in grado di superare i confini e instaurare uno stretto rapporto con il mondo produttivo, con le istituzioni e con la società in tutte le sue articolazioni, in un confronto continuo con i problemi del mondo reale.

Nel 2017, in occasione del World Design Summit è stata presentata la Montréal Design Declaration, che riconosce il grande contributo che il design può dare per raggiungere obiettivi economici, sociali, culturali e ambientali condivisi. Attraverso il forum, intendiamo interrogarci su quanto questa dichiarazione sia valida anche per le ricerche che hanno il design come oggetto e soggetto, nelle sue diverse declinazioni: dalla grafica all’informazione, dal prodotto, al design medicale, alla moda e a tutti gli aspetti contemporanei del progettare.

Quali sono i risultati – immaginati o effettivi – della ricerca accademica in design nel mondo esterno? Che ripercussioni ha la ricerca accademica sulla società? Come le ricerche che rispondono a tutti i requisiti richiesti dalla tradizione accademica possono “sconfinare”, ovvero uscire dai propri limiti disciplinari e confrontarsi con altri contesti? Come invece possono essere portate avanti all’interno dei luoghi in cui la disciplina si produce e modifica? Nell’ambito accademico, in che modo la ricerca si relaziona e si integra con la didattica?

Questi interrogativi portano alla definizione di due distinte aree di riflessione critica, a cui dovranno afferire le proposte di abstract: Il senso della ricerca all’interno dei confini accademici o di istituzioni vicine all’accademia; il senso della ricerca al di fuori dei confini accademici.

I materiali prodotti, selezionati e revisionati saranno a disposizione prima del forum e condivisi tra i partecipanti e i discussant.

Come nelle edizioni precedenti,[2] i paper selezionati e gli esiti del forum saranno raccolti in una pubblicazione.

[1] Victor Margolin, Design History or Design Studies: Subject Matter and Methods, in “Design Issues”, Vol. 11, No. 1 (Cambridge: MIT Press, Spring 1995), pp. 4-15.

[2] Fare ricerca in design, Forum nazionale dei dottorati di ricerca in design – Seconda edizione, a cura di Raimonda Riccini, Il Poligrafo, Padova 2016; FRID 2017. Sul metodo / Sui metodi. Esplorazioni per le identità del design, Forum nazionale dei dottorati di ricerca in design – Terza edizione, a cura di Raimonda Riccini, Mimesis, Sesto San Giovanni MI 2018.

Raimonda Riccini
Coordinatrice curriculum Scienze del design
Scuola di dottorato dell’Università Iuav di Venezia